Trionfo per la nazionale italiana al Global Games. I Giochi paralimpici riservati ad atleti con disabilità intellettive relazionali (borderline, autismo, sindrome di Down), si sono svolti a Brisbane (Australia) e hanno visto la partecipazione di 50 nazioni per un totale di 800 atleti impegnati in varie discipline: dall’atletica leggera al basket per proseguire poi con cricket, ciclismo, futsal (calcio a 5), canottaggio, nuoto, tennis tavolo, taekwondo e tennis.

L’Italia ha vinto 25 medaglie: 6 ori, 8 argenti e 11 bronzi (tra i più medagliati, Francesco Di Donato: due ori nel canottaggio nei 1000 e 2000m indoor; Raffaele Di Maggio nell’atletica leggera: un oro e un argento nei 100 e 200 metri e Matteo Falchi nel nuoto: due argenti e tre bronzi). Risultato, questo, storico per la nostra nazionale che mai, prima d’ora, era riuscita a conquistare così tante medaglie in questa competizione organizzata ogni 4 anni, dall’Inas (International Federation for intellectual impairment sport).

Raffaele Di Maggio, medaglia d’oro e d’argento nell’atletica leggera, cresciuto grazie ai Campionati studenteschi presso la scuola IC Carini Calderone di Carini, ha vissuto con grande emozione questo momento.